Spedizione gratuita sopra i 60€ entro 48h

10% di sconto

sul tuo primo acquisto

Iscriviti alla newsletter per
rimanere aggiornato

Cannabis per anziani: potenziali benefici per la loro salute.

Tabella dei Contenuti

Negli ultimi anni le ricerche hanno messo in luce innumerevoli benefici del CBD, dimostrando come stia guadagnando popolarità soprattutto nel trattamento di alcune condizioni e/o patologie come per esempio:

  • epilessia
  • ansia
  • acne
  • dolore cronico
  • depressione
  • glaucoma
  • insonnia
  • morbo di Parkinson
  • spasmi muscolari

Le sue proprietà possono giovare a persone di ogni età, ma in questo articolo desideriamo concentrarci sul rapporto CBD/anziani, anche a causa del fatto che l’Italia è il secondo paese più vecchio del mondo, dopo il Giappone: secondo dati Istat, rispetto ai 60,6 milioni del 2017, la popolazione residente calerà fino a 59 milioni nel 2045 e a 54,1 milioni nel 2065. Oggi abbiamo un’età media molto elevata, attorno ai 45,2 anni. Lo confermano i numeri diffusi dall’Ocse – l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico – lo scorso mese di aprile, secondo cui tra i Paesi dell’organizzazione l’Italia è quella con la più bassa quota di giovani tra i 15 e i 29 anni –  il 15% contro la media del 19% –  e, soprattutto, contro il 23% del 1960. Questi (sconfortanti) numeri ci portano a voler approfondire il tema della cannabis per anziani. Continua a leggerci per saperne di più!

CBD/anziani: come può il cannabidiolo giovare alla salute delle persone più in là con gli anni.

In che modo potrebbe essere utile la cannabis per anziani?

Come abbiamo visto, il CBD può aiutare a gestire il dolore cronico; soffrono di artrite e di dolore cronico tantissimi anziani. Attivando vari recettori nel sistema endocannabinoide, gli esperti hanno scoperto che i pazienti trattati con CBD hanno una riduzione clinicamente significativa dei sintomi correlati al dolore, con effetti collaterali minimi o nulli. Come alternativa naturale ai tradizionali farmaci antidolorifici, il CBD anziani crea un caso convincente per gli operatori sanitari. 

Ancora, la cannabis per anziani potrebbe essere utile poiché il CBD promuove la salute delle ossa: man mano che i corpi invecchiano a causa di un naturale processo, le ossa subiscono un fenomeno noto come osteoporosi, in cui perdono minerali vitali e divengono fragili e più inclini alla frattura. Il CBD anziani ha dimostrato di poter aiutare a rafforzare le ossa e persino di poter promuovere processi di guarigione in caso di frattura. 

E infine, l’olio CBD anziani può migliorare la qualità del sonno: anche se i disturbi del sonno colpiscono la popolazione di ogni età, sembrano maggiormente esposti a soffrirne le fasce più adulte, che spesso si rivolgono ai farmaci per dormire. Mentre questi ultimi possono temporaneamente risolvere un problema, a lungo termine creano un problema ancora più grande. Combattendo le condizioni che causano disturbi del sonno, come stress, ansia, irrequietezza e squilibrio generale nel corpo, il CBD anziani può calmare una persona e risolvere naturalmente un problema di sonno. Cosa ancora più importante, il CBD anziani può prevenire la necessità di assumere farmaci per dormire dannosi.

Olio CBD anziani: per dire basta alla dipendenza da farmaci.

Quando le persone sono affette da qualche patologia, la prima soluzione è quella di prescrivere farmaci. Mentre questo può fornire un sollievo temporaneo per quella condizione, spesso richiede dosaggi gradualmente crescenti che portano a ulteriori danni al corpo e creano dipendenza dai farmaci. Quando si scopre quanto ciò sia dannoso per il proprio corpo, è troppo tardi: il nostro organismo, infatti, si è già letteralmente adattato alla necessità di quel farmaco. Con gli anziani che soffrono di una vasta gamma di condizioni di salute, puoi scommettere che sono stati prescritti tutti i tipi di farmaci e che hanno sviluppato una dipendenza dagli stessi! Gli studi hanno dimostrato che l’olio CBD anziani non solo può alleviare le condizioni che spesso richiedono farmaci dannosi, ma può aiutare a combattere la dipendenza che è stata sviluppata da quel farmaco.

I risultati di uno studio del 2018 hanno rivelato che la cannabis per anziani può effettivamente aiutare a combattere la dipendenza prevenendo le ricadute. Nello studio, i ricercatori hanno scoperto che dopo aver somministrato la cannabis per anziani una volta al giorno per sette giorni, i pazienti non mostravano più comportamenti di dipendenza e tenevano lontano il paziente dalla ricaduta per cinque mesi.

Articoli correlati

10% di sconto
sul tuo primo acquisto
Iscriviti alla newsletter per
rimanere aggiornato

Benvenuto nel sito

Puracbd.it

Cliccando su ENTRA dichiari di essere maggiorenne e di utilizzare i nostri prodotti secondo quanto stabilito dalla legge.

Se non sei maggiorenne o non sei d’accordo ti preghiamo di chiudere il sito.